martedì 14 febbraio 2017

Tarali dolci di San Biagio

Buongiorno amiche,
qualche giorno fa in occasione della festa di San Biagio, protettore della gola, molto sentita in Abruzzo, ho preparato come da tradizione, i taralli di San Biagio e sono usciti bene, hanno avuto un gran successo e quindi volevo condividere con voi questo entusiasmo.
Vi lascio la ricetta con gran piacere e provate a farli, vedrete che piaceranno molto, sono adatti anche per giovedì grasso e per carnevale.
Quindi sbizzarritevi accontentando i gusti dei vostri cari.

Ricetta per circa 30 tarallucci.
-500 gr di farina 00
-130 gr di zucchero
-un pizzico di sale
-1 uovo intero
-250ml di latte
-60 gr. di olio di girasole
-una bustina di lievito disidratato o un cubetto di lievito di
birra.
Predisporre la farina a fontana, versare lo zucchero e il lievito disidratato e mescolare con le mani, poi aggiungere il sale, l'uovo, il latte poco alla volta impastando il tutto e alla fine piano piano l'olio, continuare a lavorare il tutto fino ad ottenere una palla di pasta, fare un taglietto sopra a forma di croce ed adagiare in un contenitore con coperchio e lasciare lievitare per almeno 4 ore (io ho preparato il tutto la sera prima).
Se userete il lievito di birra, scioglietelo  con il latte tiepido. Trascorso il tempo di lievitazione, riprendere il panetto e formare i tarallucci adagiandoli su carta da forno (con la quale avrete rivestito le teglie)!!! Far lievitare di nuovo ma solo per  due ore e poi infornare a 180° per 7/8 minuti. Ancora caldi passarli nello zucchero e..... buon appetito....






23 commenti:

  1. Ciao Nadia questi taralli devo essere buonissimi. Da noi si usa mangiare ancora il panettone che al mattino viene portato in chiesa per la benedizione.
    Buona giornata
    Gio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si conosco bene quella tradizione, sono nata e vissuta per un po a Milano, da noi oltre ai taralli si usa andare in chiesa per l'unzione della gola.

      Elimina
  2. mai mangiati quelli dolci, conosco solamente quelli salati ma vorrei mltissimo assaggiarli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provali sono facilissimi, unico "neo" la lunga lievitazione!!!

      Elimina
  3. grazie per la ricetta, da copiare!!

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. Esatto!!!
      Sono troppo buoni, pensa che alcuni li ho farciti con crema di nocciola!!!

      Elimina
  5. Ciao Nadia, non conoscevo questi dolci, grazie della ricetta!
    Buona giornata, a presto
    Carmen

    RispondiElimina
  6. che buoni!!!!!! grazie per la ricetta! Un abbraccio Lory

    RispondiElimina
  7. Non sapevo che ci fossero i taralli dolci. Ti ringrazio per la ricetta deliziosa.
    Bacioni Alessandra

    RispondiElimina
  8. Chissà che buoni!! Appena ho un attimo di tempo ci provo e poi ti faccio sapere come sono venuti!
    A presto:)

    RispondiElimina
  9. Grazie x la ricetta ...salvata e questo we la proviamo...m

    RispondiElimina
  10. non conoscevo questo dolce, ma sono molto curiosa di assaggiarlo. deve essere buonissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A te riusciranno di sicuro meglio dei miei.
      Sei una maga dei fornelli.

      Elimina
  11. Grazie per la ricetta, hanno un aspetto davvero invitante!
    buona domenica
    sabrina

    RispondiElimina
  12. Ciao Nadia, grazie per il tuo commento, sei sempre molto gentile.
    Grazie anche per questa ricetta che mi ero persa.

    RispondiElimina